Francesca non dorme la sera

Pubblicato: 17 ottobre 2012 in musica
Tag:, ,

Ed è domani e senza dubbio il cd di Niccolò Fabi è splendido, da brividi!! Passi da una canzone all’altra e mille pensieri cominciano a scorrere, ti vien voglia di semplicità, di abbracci. Chi non pensa ascoltando questo cd ha seri problemi!
Ascoltato qua e là lungo questa giornata strana, tra pause al lavoro, in macchina, i Gio&Gio ed ora mentre sto scrivendo!
In assoluto la canzone più bella è Elementare, (l’avrò ascoltata 20 volte oggi con il repeat automatico) ogni canzone è totalmente diversa dalle altre … Ma le mie preferite dopo Elementare sono Ecco e Una buona idea
E pensare che Niccolò Fabi non mi è mai piaciuto particolarmente.

Tutto è elementare come un bacio in una favola

E si scarica l’ultimo cd di Niccoló Fabi ECCO!

Domani vi dirò com’è!

https://itunes.apple.com/it/album/ecco-bonus-track-version/id561343330

20121017-011444.jpg

Annunci

20121015-222341.jpg

Ogni tanto mi diletto a fotografare

Immagine  —  Pubblicato: 15 ottobre 2012 in Senza categoria

Scrivo dalla sala d’attesa del dentista di mia figlia.
Perché mi é piaciuto Reality? Perché é Reality: dall’inizio del film con l’inquadratura aerea che segue una carrozza alla fine. (Per me i primi 15 minuti del film sono stupendi)
Gli attori sembrano persone che veramente interpretano sé stesse, il protagonista Luciano è un magnifico Aniello Arena, ergastolano di Volterra se non erro. (maggiori info su Google!)
Ho avuto la sensazione alla fine del film che se dovessi andare a Napoli in quel quartiere (non so qual è) in cui è stato girato il film di ritrovare tutto: la pescheria, i robottini, il bar, la mamma la zia, la nipote e queste grandi famiglie napoletane che da noi al Nord non esistono.
Il film è stato definito da molti come una fiaba triste: per me no. Semplicemente mostra ciò che si può divenire per l’apparire, sempre lui!
Se ne potrebbero citare di film in proposito: Videocracy e queste ragazzine che vogliono diventar veline, giusto per citarne uno!
Non è una fiaba triste: é la nostra società! Forse ciò che ho appena scritto è più triste del film.
Insomma se poi Reality non lo volete vedere non cambia nulla!
La mamma di Giorgia??? Scappo!

Notizie di libri e cultura del Corriere della Sera.

Per chi ama il cinema

Pubblicato: 13 ottobre 2012 in Senza categoria
Tag:,

PRIMA DI INIZIARE A LEGGERE È OBBLIGATORIO GUARDARE IL VIDEO QUI SOPRA

Quando vidi per la prima volta questo corto, rimasi senza fiato e subito lo riguardai e lo riguardai e lo riguardai!
In onore del sessantesimo anniversario del Festival di Cannes, chiesero a 33 registi di rappresentare la sala cinematografica quindi non il film, in tre minuti, un puzzle di visioni che insieme fecero un film, che purtroppo essendo fuori concorso non vinse!
Chacun son cinéma eccolo qui http://www.imdb.it/title/tt0973844/

Questo corto del regista Inarritu (ricorderete alcuni suoi film Babel, 21 Grammi), è tra tutti i corti quello che a mio avviso rappresenta “l’andare al cinema”, una cosa per noi talmente normale, che ci andiamo, o meglio, molti ci vanno assai poco e si perdono emozioni che solo lo star seduti su una poltrona al cinema e guardare un film puoi provare. Perché diciamocelo: i film visti a casa rendono la metà, è inutile.
Tornando al corto, quando alla fine lei esce a fumare e si capisce che è cieca: quello è l’epilogo perfetto per ricordarci ancora una volta che siamo fortunati!

Camargue

Immagine  —  Pubblicato: 13 ottobre 2012 in Senza categoria

Ciao mondo!!

Pubblicato: 1 ottobre 2012 in Senza categoria

Francesca, di ottima annata 1976, vivo ad Arzignano, geekmom di Giovanni e Giorgia (meglio conosciuti come Gio&Gio) ed ho pure un marito.

Appassssssionatissima di tutto ciò che riguarda il cinema, libri, musica e apple!

La mia vita era tranquilla: infanzia spensierata, diplomata con ottimi voti, trovato lavoro ancor prima di finire scuola presso uno Studio Commercialista (erano ancora i bei tempi in cui le aziende venivano alla ricerca dei RAGIONIERI), amiche amici … finchè un giorno incontro appunto mio marito.

Arriva subito il primo Gio, torno al lavoro partime, ed arriva la seconda Gio, decido quindi di rimanere a casa e svolgo due o forse quasi tre anni di felice housewife, immersa nei miei bimbi, la mia casa e i miei libri.

Ma mancava ancora qualcosa: decido di tornare al lavoro, faccio le capriole per ottenere il tempo pieno: ora sono impiegata presso uno Studio Commercialista e mi ritrovo senza tempo! Ho voluto la bicicletta?

Quindi perchè voler scrivere anche su un Blog? Francesca credi di avere tempo per il web 2.0? Me lo sto chiedendo proprio mentre scrivo … io ci provo, mentre giù di sotto aspettano la pasta al ragù, vi scriverò dei “miei” film, dei “miei” libri … e forse anche di me.